Iniziative in corso

Traduzione del test per scoprire il Patronus Traduzione dello Smistamento a Ilvermorny Guarda da vicino del vecchio Pottermore Scritti da J.K. Rowling Immagini di Pottermore Certificato di Pottermore Traduzione domande Smistamento a Hogwarts Traduzione domande Bacchetta Download vari

mercoledì 17 agosto 2016

Pottermore mette in vendita i contenuti scritti in esclusiva da J.K.Rowling

Il titolo del post è già di per sé esplicativo, ma lo ribadiamo in modo più articolato: su Amazon (e altri canali emersi dall'articolo di Pottermore in proposito: CLICK) ci sono in pre-vendita tre e-book, contenenti i testi che J.K. Rowling ha pubblicato nel tempo su Pottermore, tradotti in varie lingue tra cui l'italiano, e che fino a un anno fa erano disponibili gratuitamente nel vecchio sito.
Quando parliamo di contenuti esclusivi, intendiamo quelli elencati in QUESTA PAGINA.

Sembra inoltre che i libri elettronici conterranno altre informazioni aggiuntive, presumibilmente legate ai testi.
Le vendite inizieranno il 6 settembre 2016, e con questo ritengo del tutto sfumata la possibilità che Pottermore venga tradotto in italiano, e forse anche la presunta ultima utilità di questo blog.

I titoli sono i seguenti:

Guida (poco) pratica a Hogwarts

"Tuttavia, il Ministero della Magia era fortemente convinto che la costruzione di una nuova stazione per maghi nel centro di Londra avrebbe messo a dura prova la famosa ostinazione dei Babbani a non notare gli incantesimi neanche quando gli esplodono in faccia. – J.K. Rowling"

Pottermore Presents è una raccolta di brani scritti da J.K. Rowling: brevi letture pubblicate originariamente su pottermore.com. Questi eBook curati da Pottermore approfondiscono le storie di Harry Potter, svelando le fonti di ispirazione di J.K. Rowling, gli intricati dettagli delle vite dei personaggi e alcune sorprese del mondo magico.

Questa guida (poco) pratica a Hogwarts trascina il lettore nella famosa Scuola di Magia e Stregoneria. Pagina dopo pagina, esploreremo il parco del castello, incontreremo degli inquilini di lunga data, approfondiremo alcune materie e scopriremo antichi segreti.

Su Amazon lo trovate cliccando QUI.


Racconti di Hogwarts: potere, politica e poltergeist

"Nessun Primo Ministro Babbano ha mai messo piede nel Ministero della Magia, per ragioni illustrate in modo alquanto succinto dall'ex Ministro Dugald McPhail (in carica dal 1858 al 1865): "I loro poveri cervellini non reggerebbero al colpo"– J.K. Rowling"

Pottermore Presents è una raccolta di brani scritti da J.K. Rowling: brevi letture pubblicate originariamente su pottermore.com. Questi eBook curati da Pottermore approfondiscono le storie di Harry Potter, svelando le fonti di ispirazione di J.K. Rowling, gli intricati dettagli delle vite dei personaggi e alcune sorprese del mondo magico.

Queste storie di potere, politica e poltergeist aprono uno squarcio sul lato oscuro del mondo magico, svelando le spietate origini della professoressa Umbridge, la storia dei Ministri della Magia e di Azkaban, la prigione dei maghi. Assisteremo perfino agli inizi della carriera di Horace Lumacorno come insegnante di Pozioni di un certo Tom Marvolo Riddle.

Su Amazon, cliccate QUI.

Racconti di Hogwarts: prodezze e passatempi pericolosi

"Minerva era la dea romana della guerra e della saggezza. William McGonagall è invece considerato il peggior poeta della storia britannica. C'era qualcosa d'irresistibile nel suo cognome, e nell'idea che una donna così intelligente potesse essere una lontana parente di quel poeta un po' ridicolo. – J.K. Rowling"

Pottermore Presents è una raccolta di brani scritti da J.K. Rowling: brevi letture pubblicate originariamente su pottermore.com. Questi eBook curati da Pottermore approfondiscono le storie di Harry Potter, svelando le fonti di ispirazione di J.K. Rowling, gli intricati dettagli delle vite dei personaggi e alcune sorprese del mondo magico.

Queste storie di prodezze e passatempi pericolosi tracciano un profilo di due dei personaggi più iconici e coraggiosi del mondo di Harry Potter: Minerva McGonagall e Remus Lupin. J.K. Rowling ci porta anche dietro le quinte della vita di Sybill Trelawney e a incontrare lo spericolato Silvanus Kettleburn, appassionato di creature magiche.

Su Amazon è reperibile cliccando QUI.

Ecco qua, al modico prezzo di 2,99 € cadauno (3,40 $ nel preordine).
I titoli delle raccolte non sono granché, e la vendita per smembramento del vecchio Pottermore è ancora in corso (dopo i Momenti animati inseriti negli iBooks della serie).
Il prossimo anno mi aspetto una app interamente a pagamento con i vecchi duelli e pozioni, qualcuno ne dubita?

10 commenti:

  1. GattoCalderone17 agosto 2016 17:18

    Ciao Eileen. Non mettere in dubbio l'utilità del blog... Resta e resterà un luogo di confronto e scambio tra noi appassionati di Harry Potter e del suo mondo alla faccia della commercializzazione spinta che sta subendo Pottermore.com Sull'arrivo di una app non sono tanto sicura, almeno per l'anno prossimo. Per quanto riguarda gli eBook almeno sono a un prezzo super accessibile (cerco sempre di vedere il bicchiere mezzo pieno ;-) ci provo almeno) Magari ci troviamo qualcosa di inedito e soprattutto in italiano .. Spes ultima dea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miao GattoCalderone,

      grazie per l'incoraggiamento: bisogna sempre accendere la luce anche nei momenti più tenebrosi! (Casca per le scale con la candela addosso a Eileen).

      Tre libri, spero anche cartacei, non risolveranno tutti i contenuti, dal momento che ci vorrebbe un'enciclopedia Tregatti (o Treccani?) di 100 volumi!

      E poi c'è la funzione miagolo-sociale!
      Tuo Stregattaccio.

      Elimina
  2. L'utilità del blog NON SI DISCUTE :-)
    E anche per il resto sono della stessa idea di GattoCalderone; Pottermore continuerà a pubblicizzare Fantastic Beasts che sarà una trilogia a cadenza biennale, quindi per 4 anni circa vedremo qualche novità ogni tanto, sperando che zia Jo conceda ancora qualche testo inedito "gratis".
    Che quelli vecchi li venda, adesso, può essere visto perfino in modo positivo: non costano tanto e può essere uno stimolo per produrne di nuovi.
    E a noi per discuterne, certamente!
    Ciao e grazie, a voi e a tutto il gruppo che si è formato, grazie a voi (always, e qui ci sta).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miao AurorUnicorno,

      grazie, noi comunque proseguiremo a sfornare contenuti e capitoli della fanfiction felina!
      Questi ultimi non possono pubblicarli!......O no?
      Mieeeeeewwwwooorr!

      Elimina
    2. Una fanfiction che trae spunto da un'opera preesistente, ma dove sia evidente la creatività del nuovo autore, resta sua a tutti gli effetti, e nessun altro può diffonderla senza chiedere ed ottenere l'autorizzazione.

      Può, al limite, creare una nuova opera, a sua volta basata sulla prima fanfiction (si tratterebbe di fanfiction al quadrato), qui rischiamo di perderci nei confronti delle differenze e delle similitudini.

      Poi c'è chi non arriva a tanta sofisticatezza e crea universi paralleli in cascata perdendone il conto, e li manda in scena.

      Per dire, la Corazzata era comunque arte (ma sappiamo anche che non tutte le opere d'arte sono sublimi, e vale per ogni genere di arte), quest'ultima per fortuna è solo fiction, e come tale può anche essere godibile, ma nessun pericolo da Sindrome di Stendhal; resta sempre possibile definirla [...] pazzesca, però a mio giudizio a "pazzesca" non ci arriva (nel bene o nel male della definizione).

      Elimina
  3. Ribadisco anch'io l'importanza di questo blog per tutti noi appassionati della saga, che possiamo così scambiarci opinioni, chiacchierare e scherzare. Quindi grazie ancora a Eileen e allo Stregatto!! Invece non vedo proprio perché dovrei pagare, per quanto poco, qualcosa che ho già. Comunque (e mi dispiace per il fatto che ultimamente sto sempre a lamentarmi, ma la penso così), devo dire che la mia stima della Rowling si sta abbassando sempre di più. Fino a poco tempo fa avevo una grande ammirazione per lei, non solo come scrittrice, ma anche per lei come persona: per tutti i soldi che ha donato in beneficenza, per il fatto che, dopo aver concluso la saga, nonostante le numerosissime richieste non aveva tirato avanti la storia allungando il brodo, e anche per il fatto di aver voluto far dono ai fan di un sito gratuito e appassionante come il vecchio Pottermore. Adesso, senza voler negare i suoi meriti, mi sento delusa sotto molti aspetti: la sostituzione del vecchio Pottermore con un sito che serve praticamente solo a far pubblicità, la deludente trama di "The cursed child", e adesso la svendita dei contenuti del vecchio Pottermore... si vede che neanche una persona piena di soldi come lei è immune dalla tentazione di farne ancora di più, anche a costo di perdere in credibilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miao OmbraUnicorno,

      spero che "The Cursed Child" non sia al livello artistico della "Corazzata Potemkin!
      Aspetterò a dare miagolanti giudizi a settembre!
      //www.youtube.com/watch?v=grJNVDs2_70
      Tuo Stregattaccio

      Elimina
  4. Grazie a voi per il vostro costante sostegno e per i commenti che lasciate, arricchiscono il blog di idee e scambi sempre preziosi!
    Io penso piuttosto che invece di e-book potevano farne dei libriccini tipo le Fiabe di Beda e il Quidditch. Cartacei avrebbero tutto un altro valore!
    Certo, così costano molto meno, ma tra leggerli sul sito e leggerli dall'ebook cambia solo la connessione. Sempre schermo resta!
    Mi secca dover acquistare tre eBook solo per alcuni brani, tipo quello che accennano su Lumacorno. Era proprio necessario commercializzare ogni singola parola? Tra non molto metterà a pagamento anche i tweet...
    Non sono convinta che sia una esigenza sua quella di mettere un prezzo a tutto, la cessione dei diritti a questo e a quello per film e merchandise potrebbe farla da padrona su alcune scelte apparentemente insensate.

    Ah, specifico una cosa, letta nelle risposte sulla pagina Facebook di Pottermore: i collegamenti tra i testi dovrebbero essere farina del sacco dello staff di Pottermore, non della Rowling in prima persona.
    Quindi la dicitura corretta è: brani di J.K. Rowling, a cura dello staff di Pottermore.
    Ecco, da questo punto di vista sono d'accordo con te OmbraUnicorno. Va bene ampliare il mondo magico, ma se proprio doveva allungare la minestra, avrebbe dovuto continuare a scrivere lei. Lo avrei sentito più coerente.
    Il pensiero che il contenuto esclusivo sulla McGranitt deve subire stiracchiamenti per incastrarci la storia dell'Erede Maledetto, mi lascia l'amaro in bocca.

    RispondiElimina
  5. Com'era nato Pottermore? Ah sì... un regalo dalla J.K.Rowling a tutti i suoi fan, per ringraziarli del supporto. O almeno così diceva nel video di benvenuto del vecchio Pottermore.
    Ma a quanto pare il passato non conta, si chiamerebbe coerenza.
    Arrivare al punto di creare il nuovo Pottermore, dire che ha più contenuti escusivi del vecchio sito, quando in realtà ne mancano parecchi, e infine vendere quelli mancanti, mi sembra un tantino esagerato. Proprio i contenuti che J.K.Rowling ci aveva "regalato".
    Concordo con OmbraUnicorno, questo mostra soltanto che neanche per J.K.Rowling la fame di ricchezza è saziabile.
    Potevano almeno darsi la pena di cambiare nome al sito visto il radicale (nascosto male per altro, Voldemort se la sarebbe sicuramente cavata meglio) cambio di direzione.
    J.K.Rowling, mi hai deluso.

    P.S.: l'utilita di questo sito non si discute, ormai è rimasto l'ultimo pezzo del vero Pottermore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miao anonimo, o forse Lidia,

      e poi è l'unico Blog in cui c'è uno stregatto e si miagola!
      Tuo Stregattissimo Stregatto

      Elimina

AVVISO: Benvenuti! Potete commentare pur non essendo registrati, ma sapete che è possibile inserire un nickname? Nella tendina "Commenta come" c'è l'opzione "Nome/URL". Inserite soltanto un nome e cliccate su continua, potrete così identificare facilmente i vostri commenti! Buona permanenza nel blog!

Harry Potter - Sorting Hat 3