Iniziative in corso

Traduzione del test per scoprire il Patronus Traduzione dello Smistamento a Ilvermorny Guarda da vicino del vecchio Pottermore Scritti da J.K. Rowling Immagini di Pottermore Certificato di Pottermore Traduzione domande Smistamento a Hogwarts Traduzione domande Bacchetta Download vari

venerdì 25 novembre 2016

Incanto Patronus

Incanto Patronus

A poco più di due mesi dall'uscita del test per scoprire la forma corporea del proprio Patronus in Pottermore, torniamo sull'argomento per ripassare gli approfondimenti di J.K. Rowling in materia. Quello che vi proponiamo oggi è la traduzione del contenuto esclusivo al riguardo, già pubblicato nel vecchio portale il 31 luglio 2013 insieme agli ultimi capitoli del Prigioniero di Azkaban.
Ricordiamo per correttezza che la traduzione non è nostra, si tratta di quella presente nel vecchio sito.

Harry Potter e il Prigioniero di Azkaban: Ramoso

Il contenuto era accessibile nel Momento che vedete sopra, intitolato "Ramoso", del capitolo 21. Harry e Hermione, tornati indietro nel tempo per salvare Sirius e Fierobecco, si trovano con loro sorpresa nella posizione di dover salvare anche i loro stessi passati.
Sulla riva opposta del Lago Nero vediamo infatti una moltitudine di Dissennatori assalire i due ragazzi e Sirius, quando Harry comprende di aver già visto sé stesso salvarlo e non suo padre. A quel punto, forte della convinzione di esserne finalmente capace, evoca un potentissimo Patronus: un maestoso cervo, identico al Patronus e alla forma Animagus di suo padre James.
Addentrandoci nella scena col doppio click del mouse e premendo il puntatore sul cervo, si sbloccava quanto segue:

Incanto Patronus

Il Patronus [formula Expecto Patronum, letteralmente "aspetto un protettore"] è l’incantesimo di difesa più famoso (e notoriamente difficile). Lo scopo è produrre un guardiano o protettore di colore bianco argenteo, che assume la forma di un animale. L’esatta forma del Patronus non è riconoscibile fino al momento in cui l’incantesimo viene eseguito con successo. Il Patronus, uno dei più potenti incantesimi di difesa noti nel mondo magico, può essere utilizzato anche come mezzo di comunicazione tra maghi. Si tratta di un puro concentrato magico di felicità e speranza in grado di proteggere chi lo evoca (il ricordo di un singolo momento positivo, un talismano di gioia, è fondamentale per la sua creazione) ed è l’unico incantesimo che ha effetto contro i Dissennatori. La maggior parte delle streghe e dei maghi non sono in grado di produrre Patronus e riuscirci è quindi considerato di solito un segno di superiore abilità magica.

Alcuni maghi e streghe riescono a evocare un Patronus incorporeo, che ricorda una massa o un filo di vapore o fumo argenteo. In alcuni casi il mago o la strega decide volontariamente di produrre Patronus incorporei, se non desidera rivelare la forma che assume di solito il loro vero Patronus (Remus Lupin, ad esempio, teme che il suo Patronus corporeo possa rivelare troppe informazioni che lo riguardano). Il Patronus incorporeo non è un vero Patronus e, offrendo una protezione limitata, non garantisce il potere difensivo di quello corporeo, che ha forma e sostanza di animale.
Incanto Patronus

L’Incanto Patronus è uno degli incantesimi più antichi e viene citato in molti racconti sulle origini della magia. Nonostante lunghe collaborazioni tra maghi e streghe che lottano per importanti o nobili cause (a coloro che sono in grado di produrre Patronus corporei sono spesso stati assegnati ruoli di rilievo all’interno del Wizengamot e del Ministero della Magia), il Patronus è noto anche tra i maghi di Magia Nera. Anche se c’è una diffusa e ingiustificata credenza secondo cui un mago che non è puro di cuore non può produrre con successo un Patronus (il più famoso esempio di effetto contrario prodotto dall’incantesimo è quello di un mago di Magia Nera di nome Raczidian, che fu divorato da delle larve), pochi maghi e streghe di dubbia morale sono riusciti a realizzare questo incantesimo (Dolores Umbridge, ad esempio, riesce a far apparire un Patronus dalla forma di gatto per proteggersi dai Dissennatori). Si pensa che essere davvero convinti e sicuri della correttezza delle proprie azioni possa fornire la felicità necessaria. Tuttavia, la maggior parte di questi uomini e donne, perdono sensibilità per effetto delle creature Oscure con le quali si alleano, riducendo quindi il Patronus a un incantesimo totalmente inutile nel loro arsenale.

Non è mai stato individuato un sistema affidabile per prevedere la forma che assumerà il Patronus di una persona, nonostante il professor Catullus Spangle, illustre ricercatore di Incantesimi del diciottesimo secolo, abbia descritto alcuni principi che sono largamente accettati come veri.

Il Patronus, ha affermato Spangle, rappresenta ciò che è nascosto, sconosciuto ma necessario in ogni personalità.
“Appare chiaro...” scrive nel suo capolavoro “Incantesimi di Difesa e di Dissuasione”, “...che un uomo messo a confronto con esseri malvagi non umani, come ad esempio un Dissennatore, fa ricorso a risorse di cui potrebbe non aver mai avuto bisogno. Il Patronus è un segreto custodito in ogni persona e rimane silente fino a quando non c’è bisogno che si riveli, ma che può poi essere portato alla luce...”
Da qui, dice Spangle, la spiegazione del perché compaiono Patronus in forme che i loro evocatori potrebbero non aspettarsi, per le quali non hanno mai provato una particolare affinità o che (in rari casi) nemmeno riconoscono.

Spangle è particolarmente interessato a insoliti maghi e streghe che producono Patronus che assumono la forma dei loro animali preferiti.
“Credo fermamente che questo genere di Patronus siano indice di ossessione o eccentricità. Si tratta di maghi che potrebbero non essere in grado di nascondere i propri fondamenti nella vita comune e che desiderano, invece, sfoggiare tendenze che altri preferirebbero tenere segrete. Qualunque sia la forma dei loro Patronus, è caldamente consigliato mostrare rispetto e talvolta prudenza verso una strega o un mago capaci di produrre Patronus a propria scelta.”
La forma di un Patronus può cambiare nel corso della vita di una strega o di un mago. Sono stati riportati casi in cui la forma del Patronus è cambiata in seguito a lutti, innamoramenti o profondi cambiamenti nel carattere di una persona. Ad esempio, il Patronus di Ninfadora Tonks si trasforma da lepre a lupo (non un Lupo Mannaro) quando la donna si innamora di Remus Lupin. Alcuni maghi e streghe possono non essere per niente capaci di produrre un Patronus fino a quando non subiscono un certo tipo di shock mentale.

Accade spesso, ma non è inevitabile, che un Patronus assuma la forma di un animale che si può facilmente trovare nel luogo nativo di chi esegue l’incantesimo. Data la loro grande affinità con gli uomini, non sorprende che tra i Patronus più comuni (anche se bisogna ricordare che qualsiasi Patronus corporeo è molto raro) ci sono cani, gatti e cavalli. Tuttavia, ogni Patronus è unico come il suo creatore e si è visto che anche gemelli identici producono Patronus molto diversi.

I Patronus di animali estinti sono molto rari ma non sconosciuti. Stranamente, dato il loro stretto legame con il mondo magico, i Patronus a forma di gufo sono abbastanza insoliti. I meno comuni di tutti i Patronus possibili sono quelli che assumono la forma di creature magiche come draghi, Thestral e fenici. Non bisogna però dimenticare che il più famoso Patronus di tutti i tempi è stato un umile topo, che apparteneva a un leggendario giovane mago di nome Illyius, che lo ha utilizzato per contrastare da solo l’attacco di un’intera armata di Dissennatori. Anche se un Patronus raro e magico rispecchia senza dubbio una personalità insolita, non è detto che sia più potente o che possa avere maggiore successo nel difendere chi lo ha lanciato.

Penso lo sappiate già, ma per chi se lo fosse perso vi ricordiamo questi due post:
  • Traduzione del test per conoscere il Patronus: contiene i link dove poter sostenere il test in Pottermore, la traduzione delle possibili opzioni tra cui scegliere e alcune indicazioni sulla procedura;
  • Le forme corporee che può assumere il vostro Patronus: in questo articolo trovate tutte le possibili forme che il vostro Patronus può assumere in Pottermore, inoltre cliccando nei bottoni potrete vedere le forme animali ottenute da voi lettori. Se il vostro ancora non compare, potete inviarcelo seguendo le indicazioni riportate nel post!
Tutti quanti ci siamo affannati in questi mesi a cercare il significato del nostro Patronus, quindi spero che sarete felici di sapere questo: "nei mesi a venire, saranno rivelate ulteriori informazioni e caratteristiche relative all'incantesimo e ai suoi risultati"!
Due diverse illustrazioni del Patronus di HarryParola di Pottermore: Press Release - 22 September 2016
Quindi forse sapremo finalmente che differenza c'è tra le tante razze di gatti e cavalli, e magari anche il motivo per cui non vi è contemplata nessuna Fenice o capra, che sappiamo essere dei possibili Patronus dalla saga. Il primo era di Albus Silente, il secondo di suo fratello Aberforth.

Nelle "polaroid" che trovate in questo articolo potete vedere l'aspetto dei Patronus nelle illustrazioni del vecchio Pottermore.
Le rappresentazioni sono notevolmente cambiate con l'arrivo del test nel nuovo Pottermore, forse sono un po' "fredde", ma l'esperienza di vedere il proprio Patronus (per chi ha potuto fruire della grafica 3D) scacciare i Dissennatori dallo schermo è di indubbio impatto! Vediamo ad esempio il confronto nella raffigurazione del cervo di Harry, prima e dopo:

Il Cervo, Patronus di Harry Potter, rappresentato nella vecchia (a sx) e nuova (a dx) grafica di Pottermore

Ora che ne dite di un bel sunto dei Patronus prodotti dai personaggi della saga? Vediamo di non dimenticarne nemmeno uno, grazie all'elenco presente nella wiki inglese:
  1. Capra: di Aberforth Silente.
  2. Cavallo: Ginny Weasley.
  3. Cerva: di Lily Potter e Severus Piton.
  4. Cervo: di Harry e James Potter.
  5. Cigno: di Cho Chang.
  6. Cinghiale: di Ernie Macmillan.
  7. Donnola: Arthur Weasley.
  8. Fenice: di Albus Silente.
  9. Gatto: di Minerva McGranitt e Dolores Umbridge.
  10. Gigante: di Andros l'Invincibile. Questa informazione era Pottermore a darcela, in due diverse sedi: nella Figurina delle Cioccorane del personaggio, e anche nella Timeline-Storia della Magia. Prova grafica a destra.
  11. Jack Russell Terrier: Ronald Weasley.
  12. Lepre: di Luna Lovegood.
  13. Lince: Kingsley Shacklebolt.
  14. Lontra: di Hermione Granger.
  15. Lupo: Remus Lupin e Ninfadora Tonks.
  16. Topo: di Illyius, nominato proprio nel contenuto esclusivo sopra.
  17. Volpe: di Seamus Finnigan.
  18. "Qualcosa con le corna": di Flavius Belby, il primo a scoprire che per scacciare un Lethifold la sola soluzione possibile è un Patronus bello potente. Potete leggere la sua storia nel compendio "Animali Fantastici: dove trovarli", alla voce Lethifold naturalmente.
Ci sono altri due Patronus inseriti in uno dei videogiochi ispirato alla saga, in particolare in Wonderbook: Il Libro degli Incantesimi:
  1. Mammut lanoso: del mago Hedley Fleetwood.
  2. Coccinella: della strega Symposia Rawle. 
Non siamo certi di poterli considerare personaggi della saga, ma i loro Patronus sono interessanti: un animale estinto e un coleottero!

Facciamo ora qualche riflessione sui Patronus come mezzo di comunicazione.
Ad esempio: per quanto tempo e fino a quale distanza sono in grado di viaggiare?
L'Auror Kingsley Shacklebolt riesce a spedirne uno dal Ministero della Magia a Londra, fino alla Tana ad Ottery St. Catchpole. Anche il signor Weasley riesce a coprire la stessa distanza, inviandone uno dalla Tana fino in Grimmauld Place.
Ma sarà possibile spedirli, che so, dall'altra parte dell'Oceano Atlantico? E' un limite che non conosciamo.
Un altro quesito posto dallo Stregatto è: perché i maghi che riescono a produrre un Patronus corporeo continuano a usare i gufi?
Io ho pensato che il Patronus sia adatto a messaggi brevi, quasi telegrafici, ma non può riferire messaggi più lunghi o articolati. Oltre ad essere un mezzo di comunicazione insolito, il Patronus può trasmettere solo messaggi vocali, non può trasportare pacchi. Quindi è comprensibile che i maghi trovino più semplice continuare a usare il vecchio e collaudato metodo postale "via gufo"!
Sembra che sia stato Albus Silente a ideare questo nuovo utilizzo del Patronus, diverso dalla lotta alle creature Oscure come Lethifold e Dissennatori. A sua volta lo ha insegnato ai componenti dell'Ordine della Fenice, creando così un mezzo per scambiarsi informazioni sensibili altamente sicuro e praticamente impossibile da riprodurre.
Da notare poi come questa tecnica sia stata affinata dai membri dell'Ordine: la professoressa McGranitt è addirittura in grado di produrre contemporaneamente tre Patronus da usare come messaggeri all'interno di Hogwarts!

Concludendo, ci chiediamo... quale sarà il Patronus di Newt Scamander? Affrontando anche creature Oscure, è probabile che anche lui sia in grado di produrne uno.
Magari lo vedremo in uno dei prossimi film della serie "Animali Fantastici", ma intanto nulla ci vieta di fare ipotesi: che ne direste di un raro Patronus con le sembianze di una creatura fantastica? Magari proprio... il suo pestifero Snaso!?

I Patronus di Hermione, Cho, Kingsley e Piton

9 commenti:

  1. Miao a tutti!
    Non vi preoccupate se il vostro patronus è piccolo, il mio è un criceto nella fanfiction della quinta casa Violafucsia, ma c'è tutto!
    Inoltre, gli stregatti hanno patronus con caratteristiche molto particolari: sono sempre affamati come chi li crea, e riescono a portare con sé cibo di piccola dimensione, da un cioccolatino a una salsiccia.
    Ognuno ha i suoi limiti, ghghghggh!
    Stregatto che aspetta che il patronus ritorni indietro (dopo i pasti, sigh!).

    RispondiElimina
  2. Io ho questo ricordo, che i Patronus di Fred e George fossero una iena ridens e un coyote. So benissimo che nella saga non c'è scritto, forse l'ho letto in un'intervista alla Rowling? O semplicemente in qualche fanfiction? Chiedo a voi che siete sempre ben organizzati riguardo a tutte queste informazioni^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miao Puffskein,

      quelli che miagoli tu, sono i patronus visti nel film Harry Potter e l'Ordine della Fenice. Aspettiamo di trovare conferme negli scritti della Rowling, perciò, per ora prendiamoli per buoni, ghghghghgh!
      Tuo Stregattaccio

      Elimina
  3. Risposte
    1. Miao Francesca,
      Ti invitiamo a leggere la Fanfiction felina!
      Tuo Stregatto

      Elimina
  4. Una cosa che ho notato è che, nonostante sul testo di pottermroe c'è scritto che è possibile avere come patronus un animale estinto, nel test non ce ne è neanche uno! Ma comunque c'è una grande varietà di animali fantastici (anche se dicono che sono rari...)

    Expelliarmus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miao Expelliarmus,

      cominciamo pure dalla Fenice di Silente, per esempio!
      Tuo Stregattaccio in cerca di pterodattili, ghghghgh!

      Elimina
    2. un bell'animale estinto ci starebbe proprio bene, da trovare...

      Expelliarmus

      Elimina
    3. Miao Expelliarmus,
      ci metteremo alla ricerca!

      Elimina

AVVISO: Benvenuti! Potete commentare pur non essendo registrati, ma sapete che è possibile inserire un nickname? Nella tendina "Commenta come" c'è l'opzione "Nome/URL". Inserite soltanto un nome e cliccate su continua, potrete così identificare facilmente i vostri commenti! Buona permanenza nel blog!

Harry Potter - Sorting Hat 3