Iniziative in corso

Traduzione del test per scoprire il Patronus Traduzione dello Smistamento a Ilvermorny Guarda da vicino del vecchio Pottermore Scritti da J.K. Rowling Immagini di Pottermore Certificato di Pottermore Traduzione domande Smistamento a Hogwarts Traduzione domande Bacchetta Download vari

martedì 6 ottobre 2015

Professoressa McGranitt

Professoressa McGranitt

Il contenuto esclusivo (o testo inedito) che vi proponiamo oggi è la dettagliata biografia della professoressa di Trasfigurazione, nonché direttrice di Grifondoro, Minerva McGranitt (McGonagall nell'originale e nelle ultime traduzioni aggiornate). Siamo in ritardo di due giorni per il suo compleanno, ma le facciamo comunque tanti auguri!
Nel vecchio Pottermore questo contenuto veniva sbloccato in occasione del nostro primo incontro ufficiale con la professoressa, nel salone d'ingresso del castello.

Il salone d'ingresso di Hogwarts

Cliccando sulla figura solitaria accanto al portone della Sala Grande, si sbloccava un racconto ricco di dettagli sulla vita della professoressa più inflessibile e coraggiosa della scuola.
Dico "ufficiale" perché la McGranitt l'avevamo già vista, anche in veste di Animagus/gatto soriano, nei primissimi Momenti della storia di Harry, quando incontra Silente al Numero 4 di Privet Drive.
Il Momento nel salone d'ingresso però mi ha sempre trasmesso una certa emozione. La McGranitt è la prima componente del corpo insegnanti che gli studenti incontrano al loro arrivo a Hogwarts (più avanti sarà Hagrid quando assumerà la cattedra di Cura delle Creature Magiche, io faccio riferimento all'esperienza di Harry), eppure in quella immagine è rappresentata in ombra, un po' discosta dalla luce e dal calore della Sala Grande.
Non è nemmeno ritratta vicino all'imponente scalone, in posa austera e impressionante. Questo mi ha dato l'impressione di una persona che, sì, rappresenta con la sua autorità la scuola nei primi istanti dei nuovi, spaesati undicenni, ma che mantiene comunque una certa umiltà. Una strega tutta d'un pezzo, insomma!
Bacchetta di Minerva McGranitt: Abete, Corde del cuore di Drago, 9 1/2 pollici, Rigida
Bacchetta di Minerva McGranitt: Abete, Corde del cuore di Drago, 9 1/2 pollici, Rigida



Professoressa McGranitt

Compleanno: 4 Ottobre
Bacchetta: Abete e corde del cuore di drago, nove pollici e mezzo, rigida
Casa di Hogwarts: Grifondoro
Capacità particolari: Animagus (gatto soriano grigio con segni particolari)
Stirpe: Padre babbano, madre strega
Famiglia: Marito, Elphinstone Urquart, deceduto. Nessun figlio
Hobby: Ricamo, correttrice di bozze per Trasfigurazione Oggi, seguire il Quidditch, tifare le Montrose Magpies

Infanzia

Minerva McGranitt fu la prima e unica figlia di un sacerdote presbiteriano scozzese e di una strega formatasi a Hogwarts. Trascorse la sua infanzia nelle Highlands scozzesi – erano gli inizi del Ventesimo secolo – e solo un po' alla volta si rese conto che c'era qualcosa di strano, sia in quello che riusciva a fare, che nel matrimonio dei suoi genitori.

Il padre di Minerva, il reverendo Robert McGranitt, era rimasto stregato da Isobel Ross, un'allegra ragazza che viveva nel suo stesso villaggio. Come tutti i suoi compaesani, Robert credeva che Isobel frequentasse un esclusivo collegio femminile in Inghilterra. In realtà, quando la ragazza scompariva per mesi e mesi da casa, era alla Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts che si recava.

Consapevole che i suoi genitori (un mago e una strega) avrebbero disapprovato il suo legame con quel serio e giovane Babbano, Isobel non fece parola della loro nascente relazione. Aveva diciotto anni ed era innamorata di Robert. Sfortunatamente però non aveva ancora trovato il coraggio di confessargli la sua vera natura.

La coppia fuggì, scatenando le ire di tutti e quattro i genitori. Già costretta a separarsi dalla sua famiglia, Isobel non poteva sopportare di rovinare l’estasi della luna di miele raccontando al suo innamoratissimo novello sposo che si era diplomata in Incantesimi a Hogwarts – la migliore della sua classe – e nemmeno che era stata Capitano della squadra di Quidditch della scuola. Isobel e Robert andarono ad abitare in una canonica nei dintorni di Caithness, dove la bella Isobel si dimostrò sorprendentemente oculata nell'amministrare l'esiguo salario del sacerdote.

La nascita di Minerva, la primogenita della giovane coppia, fu motivo di felicità, ma anche di crisi. Avendo nostalgia della famiglia e della comunità magica da cui si era allontanata per amore, Isobel insisté per chiamare la neonata come sua nonna, una strega estremamente talentuosa. Quel nome stravagante non passò certo inosservato nella piccola comunità in cui vivevano e per il reverendo Robert McGranitt fu difficile spiegare ai parrocchiani la decisione della moglie. Inoltre, il reverendo era preoccupato dall'umore mutevole della sua sposa. Gli amici tuttavia gli assicuravano che non era insolito che le donne fossero emotive dopo aver dato alla luce un figlio, e che Isobel sarebbe tornata in sé molto presto.

Isobel invece si chiuse sempre più in se stessa, isolandosi spesso per giorni e giorni con Minerva. Più tardi raccontò alla figlia che lei aveva mostrato piccoli ma inequivocabili segni di magia dalle primissime ore di vita: giocattoli riposti sugli scaffali più alti vennero ritrovati nella sua culla; il gatto di casa apparentemente eseguiva i suoi ordini prima ancora che lei avesse imparato a parlare; di tanto in tanto la cornamusa di suo padre iniziava a suonare da sola in un'altra stanza, fenomeno, questo, che provocava risatine di piacere alla piccola Minerva.

L'orgoglio e la paura laceravano Isobel. Sapeva di dover confessare a Robert la verità prima che il marito notasse qualcosa di allarmante. Alla fine un giorno, dopo un paziente interrogatorio di Robert, Isobel scoppiò in lacrime, tirò fuori da sotto il letto la bacchetta che teneva chiusa a chiave in una cassa, e mostrò al marito quel che lei era veramente.

Minerva era troppo piccola per ricordare quella notte, ma le sue ripercussioni le lasciarono un'amara consapevolezza di quanto complicato fosse crescere dotati di magia in un mondo di Babbani. Nonostante il suo amore per la moglie non fosse mutato dopo aver scoperto che era una strega, Robert McGranitt fu profondamente scosso da quella rivelazione. E anche dal fatto che Isobel gli avesse nascosto tanto a lungo una cosa così grande. C'era di più: proprio lui che si vantava di essere un uomo retto e onesto, ora veniva trascinato in una vita di segreti decisamente estranea alla sua natura. Isobel spiegò tra i singhiozzi che lei e la figlia erano legate allo Statuto di Segretezza e che avrebbero dovuto nascondere la loro identità o sarebbero andate incontro alle ire del Ministero della Magia. Robert era sgomento al pensiero di come la gente del luogo – una comunità nel complesso austera, rigida e convenzionale – si sarebbe sentita ad avere un reverendo con una strega per moglie.

L'amore resistette, ma la fiducia tra i genitori si era spezzata, e Minerva, una bambina intelligente e osservatrice, lo constatò con tristezza. I McGranitt ebbero altri due figli, entrambi maschi; tutti e due mostrarono, a tempo debito, capacità magiche. Minerva aiutò la madre a spiegare a Malcolm e Robert Junior che non dovevano sbandierare la loro magia ai quattro venti e l'aiutò anche a nascondere al padre gli incidenti e gli imbarazzi che la magia dei fratelli suscitava di tanto in tanto.

Minerva era molto affezionata al padre babbano: per carattere assomigliava più a lui che alla madre. Per lei era doloroso vedere con quanta fatica il padre cercasse di affrontare quelle strane circostanze famigliari. Era anche consapevole degli sforzi che la madre faceva per adattarsi alla comunità del villaggio, interamente babbana, e sapeva quanto le mancassero la libertà di vivere tra i propri simili e di esercitare i suoi considerevoli talenti. Minerva non scordò mai quanto la madre pianse il giorno del suo undicesimo compleanno, quando ricevette la lettera di ammissione alla Scuola di Magia e Stregoneria di Hogwarts. Minerva sapeva a cosa erano dovute quelle lacrime: erano lacrime di gioia, ma anche d'invidia.

Carriera Scolastica

Come spesso accade ai maghi e alle streghe che provengono da una famiglia con problemi a gestire la propria identità magica, Hogwarts fu per Minerva una felice liberazione.

Minerva McGranitt Animagus

Minerva attirò insolitamente l'attenzione su di sé quando, la primissima sera, si rivelò una Testurbante. Dopo cinque minuti e mezzo il Cappello Parlante, che aveva tentennato fra Corvonero e Grifondoro, collocò Minerva in quest'ultima Casa. (Più tardi negli anni, questa circostanza fu oggetto di scherzi bonari tra Minerva e il collega Filius Vitious che aveva suscitato pari confusione al Cappello, che alla fine, però, era approdato alla decisione opposta. I due direttori delle Case si divertivano a pensare che, non fosse stato per quei cruciali momenti in gioventù, i loro ruoli si sarebbero potuti invertire).

Ben presto fu chiaro che Minerva era la studentessa più eccezionale del suo anno, dotata di un particolare talento per la Trasfigurazione. Mano a mano che il corso dei suoi studi progrediva, la ragazza dimostrò di aver ereditato sia le abilità della madre che il severo senso morale del padre. La carriera scolastica di Minerva si sovrappose per due anni con quella di Pomona Sprite, successivamente direttrice della Casa di Tassorosso. Da allora le due donne godettero sempre di ottimi rapporti.
Distintivo della squadra di Quidditch dei Montrose Magpies
Al termine dei suoi studi a Hogwarts, Minerva McGranitt aveva raggiunto un record impressionante: pieni voti ai G.U.F.O. e ai M.A.G.O., Prefetto, Caposcuola e vincitrice del premio come Miglior Nuova Promessa di Trasfigurazione Oggi. Sotto la guida ispiratrice del suo insegnante di Trasfigurazione, Albus Silente, Minerva era diventata un Animagus; la sua forma animale e i suoi tratti distintivi (gatto soriano, segni di occhiali squadrati attorno agli occhi) furono debitamente annotati nel Registro degli Animagi del Ministero della Magia. Come la madre, Minerva fu anche una giocatrice di Quidditch molto dotata, anche se l’ultimo anno una brutta caduta – un fallo durante la partita Grifondoro-Serpeverde che avrebbe deciso le sorti del Campionato – le procurò una commozione cerebrale, diverse costole rotte e un implacabile desiderio di annientare i Serpeverde sul campo di Quidditch. Al termine degli studi Minerva McGranitt dovette abbandonare il Quidditch, ma la sua innata competitività la portò a interessarsi appassionatamente ai successi della squadra della sua Casa, e a tenere gli occhi aperti sui nuovi talenti del Quidditch.

Giovani Cuori Infranti

Subito dopo essersi diplomata a Hogwarts, Minerva fece ritorno alla canonica per passare un'ultima estate con la sua famiglia, prima di partire alla volta di Londra, dove l'aspettava un posto al Ministero della Magia (Ufficio Applicazione della Legge sulla Magia). Quei mesi si sarebbero rivelati tra i più difficili nella vita di Minerva, perché fu allora, a soli diciotto anni, che dimostrò di essere degna figlia di sua madre innamorandosi follemente di un ragazzo babbano.

Fu la prima e ultima volta in cui si poté dire che Minerva McGranitt aveva perso la testa. Dougal McGregor era l'affascinate, intelligente, spiritoso figlio di un agricoltore del luogo. Anche se meno bella di Isobel, Minerva era brillante e arguta. Dougal e Minerva avevano in comune il senso dell'umorismo, discutevano accanitamente ed entrambi erano convinti che nell'altro ci fosse una misteriosa profondità d'animo. Prima che uno dei due se ne potesse accorgere, Dougal si ritrovò in ginocchio in un campo arato a chiederle la mano e Minerva gli stava già dicendo di sì.

Minerva rientrò a casa con l'intenzione di raccontare del fidanzamento ai genitori, ma scoprì di non essere in grado di dirglielo. Passò la notte insonne sdraiata nel suo letto, pensando al futuro. Dougal non sapeva chi lei fosse realmente, proprio come suo padre non aveva saputo la verità su Isobel prima del loro matrimonio. Minerva era consapevole del tipo di matrimonio che avrebbe avuto se avesse sposato Dougal, perché l'aveva già vissuto sulla propria pelle. Sarebbe stata la fine di tutti i suoi sogni; avrebbe significato dover mettere sotto chiave la bacchetta, insegnare ai propri figli a mentire, forse addirittura al loro stesso padre. Non si illudeva che Dougal l'avrebbe seguita a Londra, dove lei avrebbe lavorato ogni giorno al Ministero. Lui non vedeva l'ora di ereditare la fattoria del padre.

Il giorno dopo, la mattina presto, Minerva sgattaiolò via da casa dei suoi genitori e andò a dire a Dougal che aveva cambiato idea, che non poteva più sposarlo. Sapendo bene che se avesse violato lo Statuto di Segretezza avrebbe perso il lavoro al Ministero – ragione per cui stava rompendo con Dougal – Minerva non poté nemmeno dargli una buona spiegazione per i suoi mutati sentimenti. Lo lasciò devastato e partì per Londra tre giorni dopo.

Carriera Al Ministero

Senza dubbio i sentimenti di Minerva McGranitt verso il Ministero della Magia erano stati alterati dalla sua recente crisi emotiva, in più la sua nuova casa e il suo nuovo posto di lavoro non le piacquero molto. Alcuni suoi colleghi avevano radicati pregiudizi antiBabbani che, considerata la sua adorazione per il padre e il suo immutato amore per Dougal McGregor, non poteva che deplorare. Nonostante fosse un'impiegata efficiente e dalle mille qualità e fosse affezionata al suo capo (Elphinstone Urquart, di diversi anni più vecchio) Minerva era infelice a Londra e scoprì di avere nostalgia della Scozia. Alla fine, dopo due anni al Ministero, le offrirono una prestigiosa promozione, ma lei rifiutò. Mandò invece un gufo a Hogwarts, chiedendo di essere presa in considerazione come insegnante. Il gufo tornò poche ore dopo con l'offerta di un posto nel Dipartimento di Trasfigurazione, sotto l'egida del direttore del Dipartimento: Albus Silente.

Amicizia con Albus Silente

La scuola accolse con gioia il ritorno di Minerva McGranitt che si buttò a capofitto nel lavoro, dimostrandosi un'insegnante severa, ma appassionata. Tenere le lettere di Dougal McGregor chiuse in una scatola sotto il letto era meglio (si diceva con fermezza) che tenerci la bacchetta. Ciononostante fu uno shock quando venne a sapere dall'ignara Isobel (nel bel mezzo di una lettera sui pettegolezzi locali) che Dougal aveva sposato la figlia di un altro agricoltore.

Quella sera tardi Albus Silente trovò Minerva in lacrime nella sua aula e lei gli confessò tutta la storia. Silente le offrì conforto e parole sagge e raccontò a Minerva parte della storia della propria famiglia, precedentemente a lei sconosciuta. Le confidenze che quelle due persone estremamente riservate si scambiarono quella notte divennero la base di un lungo e reciproco rapporto di stima e di amicizia.

Matrimonio

Durante i suoi primi anni a Hogwarts, Minerva McGranitt continuò a intrattenere rapporti di amicizia con il suo vecchio capo al Ministero, Elphinstone Urquart. Nel corso di una vacanza in Scozia lui andò a trovarla e, con grande sorpresa e imbarazzo di Minerva, le chiese di sposarlo nella sala da tè di Madama Piediburro. Essendo, però, ancora innamorata di Dougal McGregor, Minerva lo respinse.

Elphinstone, comunque, non cessò mai di amarla né, di quando in quando, di rifarle la proposta, anche se lei continuava a rifiutare. Tuttavia la morte di Dougal McGregor, benché traumatica per Minerva, sembrò liberarla. Poco dopo la prima sconfitta di Voldemort, Elphinstone, ormai incanutito, le fece di nuovo la proposta durante una passeggiata estiva intorno al lago, nei poderi di Hogwarts. Questa volta Minerva accettò. Elphinstone, già in pensione, era fuori di sé dalla gioia, e comprò un piccolo cottage a Hogsmeade così che Minerva potesse recarsi ogni giorno al lavoro facilmente.

Un lavoro a maglia, passatempo serale della professoressa McGranitt
Conosciuta dalle successive generazioni di studenti come 'Professoressa McGranitt', Minerva – che era sempre stata un po' una femminista – annunciò che avrebbe tenuto il suo cognome da nubile. I tradizionalisti storsero il naso: perché Minerva rifiutava un cognome purosangue, preferendo conservare quello del padre babbano?

Il matrimonio (tragicamente breve, benché destinato a esserlo) fu felice. Anche se non ebbero figli, i nipoti e le nipoti di Minerva (figli dei suoi fratelli Robert e Malcolm) andavano spesso a trovarli. Quello fu un periodo di grandi soddisfazioni per Minerva.

Tre anni dopo il loro matrimonio, la morte accidentale di Elphinstone, morso da una Tentacula Velenosa, provocò un enorme dispiacere in tutti i conoscenti della coppia. Minerva non poteva sopportare di restare sola nel loro cottage quindi, dopo il funerale di Elphinstone, impacchettò le sue cose e ritornò a Hogwarts e alla sua spoglia camera da letto con il pavimento di pietra (accessibile tramite una porta nascosta nel suo studio al primo piano). Sempre riservata e coraggiosa, Minerva riversò tutte le energie nel lavoro. Quasi nessuno – eccetto forse Albus Silente – seppe mai quanto aveva sofferto.


I pensieri di J.K. Rowling

Minerva era la dea romana della guerra e della saggezza. William McGonagall invece [in inglese è questo il cognome di Minerva N.d.T.] è considerato il peggior poeta della storia britannica. C'era qualcosa d'irresistibile per me nel suo cognome, e nell'idea che una donna così intelligente potesse essere una lontana parente di quel poeta buffone.

Un piccolo esempio della sua opera vi darà un assaggio della sua involontaria carica umoristica. Qui di seguito un brano tratto da una poesia scritta per commemorare un disastro ferroviario del periodo vittoriano:


Oh, bellissimo ponte sul Tay d'argento,
è con sconcerto che annuncio il triste evento:
l'ultimo Sabbat del 1879 verrà infatti ricordato
per quelle novanta vite che il tuo crollo ha spezzato.

L'infanzia della professoressa McGranitt è uno scorcio molto significativo su come dev'essere la vita delle famiglie miste, ossia con un solo genitore mago.
Le difficoltà che i figli, siano essi dotati o meno di poteri magici, devono affrontare all'interno delle mura domestiche sono notevoli, soprattutto nei casi in cui la verità sulla vera natura del coniuge "magico" non venga messa in chiaro fin dall'inizio.
Analogamente, la vita dei giovani maghi e streghe che vivono in comunità prettamente Babbane, sempre condizionata dallo Statuto di Segretezza, è altrettanto disagevole.
È comprensibile quindi che per la maggior parte dei ragazzi l'arrivo a Hogwarts rappresenti una vera e propria valvola di sfogo dai problemi familiari e di interazione con comunità non magiche, oltre che un luogo sicuro dove poter dare libero corso alle proprie abilità magiche.

L'infanzia di Minerva McGranitt non è certo stata infelice quanto quella di Harry, Tom Riddle o Severus Piton, ma comunque non è stata totalmente serena e priva di problematiche.
A proposito della famiglia della professoressa, sappiamo che ha mantenuto i contatti con i nipoti, figli dei suoi fratelli minori Malcom e Robert Jr, ma nulla più. Ad esempio non sappiamo in che Casa sono stati smistati i suoi fratelli, se per caso ha insegnato ai nipoti o se qualcuno di loro ha dimostrato analoghe abilità magiche o particolari doti sportive nel Quidditch.

Un fatto curioso mi ha colpito per la sua ironia: la forma corporea del Patronus della professoressa McGranitt è simile a quello della sua antitesi. Anche Dolores Umbridge ha un gatto come Patronus!
Seppur di aspetto diverso: si tratta di un gatto soriano per la McGranitt, e di un gatto a pelo lungo per la Umbridge.
La differenza tra i due personaggi, per il resto, è abissale, Basti pensare al rapporto che le due insegnanti hanno coi felini: la Umbridge ha una vera ossessione per i gatti, che si palesa nell'inquietante collezione di piattini decorati con leziosi gattini animati; Minerva McGranitt potremmo definirla più "affine spiritualmente" con questi animali.
Infatti, sin da piccolissima dimostra una certa connessione col gatto di casa, poi crescendo il felino si trasforma nel suo Protettore, nonché aspetto Animagus.
Visto che siamo scivolati in tema di felini, cedo la parola allo Stregatto, che insiste per miagolarci la sua!

intervallo

Miao a tutti, Amiche e Amici miagolosi!

Secondo la mia miagolante opinione, la collezione magica della Umbridge di piatti di porcellana con i gattini, appesi al muro del suo ufficio, rappresenta un palese reato di maltrattamento di animali creati con la magia, aggravato dalla condizione di schiavitù per averli costretti a compiere servizi abietti, da punirsi con una cella ad Azkaban senza finestre.
Ovviamente, il danno all'immagine felina è incommensurabile!

Tornando a Minerva, non è miagolamente semplice, per uno come me, amico di Severus Piton (vedi la Fanfiction della Quinta Casa), miagolare qualche commento imparziale riguardo la Vegliarda direttrice di Grifondoro.

Innanzitutto, possiamo osservare che la McGranitt è un Animagus capace di trasformarsi in gatto soriano, e questo depone felinamente a suo favore.
Non è un caso, infatti, che sin da piccola, era riuscita a farsi obbedire da gatti domestici, anche se poi, è rimasta molto frustrata nei miei confronti: non è mai riuscita a convincermi di niente, neanche della bontà dei suoi ricami di uncinetto... da me puntualmente graffiati. 

Inoltre, il fatto che il Patronus di Minerva sia un gatto è probabilmente indicativo di un grave trauma conseguente alla mia conoscenza a Hogwarts, oppure alle graffiate che si era procurata da piccola, cadendo in cespuglio di Tranello del Miagolo.

In ogni caso, è un dato di fatto, che la studentessa Minerva McGranitt, durante una partita di Quidditch tra Grifondoro e Serpeverde, aveva subito un forte trauma cerebrale.
E mi è apparso evidente che, da quel giorno, la futura insegnante di Trasfigurazione non si è più ripresa come prima, ghghghghghgh!!!
"Come si fa a rifiutare un promozione al Ministero della Magia per andare in un castello dove imperversa un misterioso Stregatto?" si sono chiesti al San Mungo, Reparto Incidenti da Manufatti, mentre Silente si stava affrettando a smentire la presenza di Stregatti a Hogwarts.

9 commenti:

  1. Miao a tutti,
    della vita di Minerva McGranitt posso accettare tutto, ma non so immaginare una persona con il suo carattere posato e la sua correttezza innata giocare ad uno sport come il Quidditch. Forse in porta,..........un Baston in gonnella?
    Stregattaccio dispettoso.

    RispondiElimina
  2. A proposito delle traduzioni aggiornate da Bartezzaghi, qualcuno di voi ha letto i libri nella loro nuova forma? Cosa cambia? Cosa è stato corretto? So che finalmente hanno chiarito la differenza tra halfblood e mudblood!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Armint, ho visto le nuove traduzioni, e confermo la giusta precisazione su Mezzosangue e Sanguemarcio!
      Ci sono svariati ritocchi: molti nomi sono tornati in lingua originale (Neville Longbottom, Minerva McGonagall, Oliver Wood tra gli altri); Salice Schiaffeggiante ha sostituito Platano Picchiatore; Tassofrasso ha rimpiazzato Tassorosso (è l'unica Casa a cui hanno modificato il nome) e molti altri. Non li ho letti, li ho solo sfogliati, ma la differenza c'è.
      Molte cose sono state giustamente corrette, altre hanno subito modifiche che fanno storcere il naso ai fan di vecchia data!
      L'edizione rivista da Bartezzaghi ormai è in giro dal 2011, ma è tornata alla ribalta in questi giorni con la ripubblicazione del primo libro (per ora) della saga illustrata da Jim Kay, a cui Pottermore sta dando ampia risonanza. Il pubblico è piuttosto diviso al riguardo: c'è chi la compra in italiano senza battere ciglio, chi non ci pensa nemmeno a causa della traduzione, e chi se la prende in inglese per non sbagliare!

      Elimina
    2. Miao a tutti,
      le versione in miagolese corredata dalla fanfiction della quinta casa è quella più corretta. Ghghghghgh!!!

      Elimina
    3. FantasmaMagia2828 ottobre 2015 14:14

      tassofrasso!? cooosa!?!?!? direi che erano meglil tassorosso e platano picchiatore, non ci possono rovinare l'infanzia cosí! poi sinceramente.preferivo i nomi in italiano,.perchè anche quelli sono ricordi, e avendo la fortuna diaver letto il primo libro in inglese, quelli li ho imparati

      Elimina
  3. Oddio! Non avevo mai immaginato l'infanzia della McGranitt... comunque grazie mille per aver tradotto anche questo testo! È sempre un piacere leggere e vedere il lavoro, la pazienza e la passione che ci mettete!
    Grazie di cuore!
    Vostra LoveGinny

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ginny, ma mi sento in dovere di precisare: questa non è la nostra traduzione, bensì quella che era presente in Pottermore prima che lo cambiassero!

      Elimina
    2. Ah ok... comunque siete dei grandi!!! :D
      Vostra "fan" LoveGinny ;)

      Elimina
  4. Wow! Non mi sarei mai immaginata che la vita della professoressa McGranitt fosse stata così!!!

    RispondiElimina

AVVISO: Benvenuti! Potete commentare pur non essendo registrati, ma sapete che è possibile inserire un nickname? Nella tendina "Commenta come" c'è l'opzione "Nome/URL". Inserite soltanto un nome e cliccate su continua, potrete così identificare facilmente i vostri commenti! Buona permanenza nel blog!

Harry Potter - Sorting Hat 3